Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Esposito: "Caserta squadra esperta e tutta da scoprire, ma noi dobbiamo fidarci delle nostre certezze"

Pubblicato in Prima Squadra - Sabato 14 Novembre 2015

Il tecnico biancorosso presenta la sfida di domani: "Una partita come tutte le altre no, ma come sempre per me conta vincere"

Vigilia particolare per coach Esposito, che domani sfida la "sua" Caserta. Il tecnico biancorosso presenta così la sfida: "Veniamo da una settimana fatta abbastanza serenamente, in cui abbiamo lavorato un po’ di più sulle peculiarità tattiche degli avversari e un po’ meno su noi stessi e direi che siamo contenti di questa leggera modifica: si tratta di una modifica fatta, non perché temiamo particolarmente Caserta, ma perché dopo un mese e mezzo avevo bisogno di vedere come la squadra reagiva a preparare situazioni diverse rispetto allo standard. Sappiamo che andiamo ad affrontare una partita dura -prosegue Esposito- e un po’ diversa dalle altre perché giochiamo con una squadra piena di giocatori esperti, che conoscono bene la serie A. Anche sul piano psicologico, non solo tecnico, dovremo quindi essere bravi ad affrontare questo aspetto: è chiaro che dove Caserta non arriverà con le gambe, proverà ad arrivare con la malizia e l’esperienza. E’ un test importante per noi e voglio che la squadra sia pronta, ferme restando quelle che sono le nostre certezze e le nostre caratteristiche, quelle che ci hanno portato a essere dove siamo adesso".

La squadra campana viene da due vittorie consecutive e attraversa un ottimo momento, anche sul piano psicologico: "Affrontiamo una squadra sostanzialmente nuova rispetto alla Caserta che ha disputato le prime giornate di campionato -spiega Esposito- perché solo domenica scorsa sono rientrati due giocatori importantissimi come Siva e Jones, quindi per certi versi ci troveremo davanti una squadra tutta da scoprire, dato che questi due elementi non sono comprimari, ma giocatori che spostano gli equilibri tecnico-tattici".

Dopo tanti anni passati in bianconera, quella di domani per Esposito non può essere una partita come tutte le altre: "E' evidente -concorda il tecnico biancorosso- perché io sono casertano e perché questa società l’anno scorso mi ha dato la possibilità di mettermi in mostra come allenatore. E’ una città in cui ho vinto come giocatore. Ma dopo trent’anni che faccio il professionista, da giocatore e da allenatore, devo avere la freddezza e la maturità per non farmi sconvolgere più di tanto sul piano sentimentale. A me e ai miei ragazzi -chiosa Esposito- serve vincere più partite possibile per raggiungere il nostro obiettivo che rimane quello della salvezza: amore, rispetto, tutto quello che posso provare di positivo verso Caserta, ma io domani devo far di tutto per ottenere  i due punti".

Esposito non sarà l'unico ex in campo, ce ne saranno addirittura ben altri quattro. Una componente psicologica in più da prendere in esame? "Personalmente -sono le parole del coach- ritengo che nessuno dei giocatori in campo domani abbia delle rivincite da prendersi, né nei confronti di Pistoia né nei confronti di Caserta. Credo sia un motivo di interesse in più in una partita fra due squadre in un buon momento".