Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Un'OriOra generosa non riesce a ribaltare il pronostico: Trento centra la nona vittoria nelle ultime dieci partite e lascia i biancorossi in fondo alla classifica

Pubblicato in Prima Squadra - Sabato 20 Aprile 2019

Finisce 82-73 per i bianconeri padroni di casa: Pistoia gioca una buona gara per almeno tre quarti, poi i problemi di falli di Mitchell consentono a Trento di trovare l'allungo decisivo.

La OriOra non riesce a compiere la seconda impresa consecutiva in trasferta e, al PalaTrento (campo storicamente a dir poco ostico per i colori biancorossi) si inchina ai bianconeri padroni di casa.

Finisce 82-73, con Trento che centra la nona vittoria nelle ultime dieci gare e continua la sua rincorsa a una posizione playoff che oggi sembra decisamente alla portata dei bianconeri.  Per Pistoia, invece, la situazione in classifica resta disperata: per coach Moretti e i suoi ragazzi l'obiettivo diventa a questo punto quello di vincere almeno due delle ultime tre partite rimaste da disputare, sperando magari anche in qualche risultato favorevole dagli altri campi. La squadra, tuttavia, ha dimostrato di avere ancora la voglia di crederci: certo, la sconfitta di una settimana fa contro Torino ha maledettamente complicato le cose, ma la sensazione è che i biancorossi lotteranno comunque fino alla fine.

Al cospetto della squadra più in forma del campionato, la OriOra ha disputato una prova sicuramente positiva, almeno sul piano tattico, nonostante qualche palla persa di troppo. Della Rosa e compagni sono infatti riusciti molto bene a gestire il ritmo, specie nel primo tempo, creando grosse difficoltà a una Trento che ha dovuto faticare almeno fino alla fine del terzo periodo, quando i bianconeri sono riusciti (approfittando anche dei problemi di falli di Mitchell e Odum) a trovare quell'allungo che la OriOra non è più stata capace di colmare, nonostante il tentativo di mischiare le carte da parte di coach Moretti. 

In attesa dei risultati dagli altri campi, la trasferta in terra trentina ha detto che Pistoia, in vista della volata finale, può ripartire dal ritrovato Peak (migliore in campo fra i biancorossi, dopo esserlo già stato una settimana fa contro Torino), dalla solidità di Auda (20 punti e miglior prestazione stagionale) e da un Mitchell che, nonostante i soli 17 minuti in campo, ha dimostrato ancora una volta di poter essere il giocatore giusto cui aggrapparsi per riscrivere un destino che sembra già scritto. 

(Foto Ciamillo/Castoria - Lega Basket)