Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Esposito: "A Varese dovremo essere bravi nei momenti difficili"

Pubblicato in Prima Squadra - Sabato 28 Ottobre 2017

Il tecnico presenta la sfida di domani a Masnago: "Settimana dominata dalle notizie su McGee, ma la squadra ha risposto bene in palestra. Mercato? Cerchiamo un giocatore nel ruolo di guardia che possa darci una mano anche come play e come ala".

Sono giorni complicati in casa The Flexx. La sicura assenza di McGee per almeno due mesi complica non poco i piani di coach Esposito e del suo staff, ma il tecnico non si perde d'animo: "E' stata una settimana in cui, ovviamente, l'attenzione è stata tutta sulle notizie riguardanti McGee, ma devo dire -afferma il coach nella conferenza stampa che precede la partenza per Varese- che i ragazzi in allenamento hanno risposto molto bene a questo ennesimo problema, che sicuramente da un lato sgombra il campo dai dubbi sulle condizioni del giocatore, ma dall'altro ci rende privi di un elemento di primissimo piano. E' chiaro che siamo ancora alla quinta giornata e quindi tutte le squadre devono ancora trovare i propri equilibri, ma per noi devo dire che è abbastanza difficile ogni settimana dover sistemare le cose a causa di problemi, assenze, condizioni fisiche precarie, eccetera. La classifica per il momento dice tutto e niente: alcune squadre, costruite per primeggiare, stanno effettivamente già facendo vedere il proprio valore, altre magari in questo momento sono in difficoltà, ma hanno tutto il tempo per aggiustare le cose in corso; per tutte, comunque, credo che sia importante in questo momento migliorare e crescere, settimana dopo settimana, tecnicamente e tatticamente. E' quello che stiamo facendo anche noi e da questo punto di vista i ragazzi sono sempre stati molto disponibili".

Esposito si concentra poi sulla sfida con Varese: "Siamo due squadre molto simili. Sia noi che loro amiamo giocare in transizione, primeggiamo nella classifica dei rimbalzi, e diciamo che il progetto tecnico, a cominciare dall'allenatore, è lo stesso dallo scorso anno. Da questo punto di vista, quindi, la preparazione della sfida è stata abbastanza semplice e non ovviamente -chiarisce il coach- perché io voglia sminuire il valore dei nostri avversari, che anzi sono una squadra che sulla carta appartiene alla nostra stessa fascia. Andremo a giocarcela con soli quattro stranieri, ma questo non deve rappresentare un alibi: ci saranno più minuti e più responsabilità per tutti e dovremo comunque cercare di disputare una buona gara e, soprattutto nei momenti di difficoltà, riuscire a fare uno sforzo extra per rimanere in partita e non demoralizzarci. In questo momento, infatti, una delle nostre pecche più grave è la difficoltà nel mantenere compattezza quando arrivano i momenti bui".

Non poteva mancare ovviamente una domanda sul mercato in entrata: "Stiamo cercando un giocatore -spiega Esposito- di una certa esperienza, in grado di potersi calare subito nella nostra realtà. Non è facile, perché il mercato non offre molto e quello che offre, lo offre a cifre importanti. La mia idea è quella di inserire un elemento nel ruolo di guardia, che fisicamente possa giocare sia in posizione di play che in posizione di ala piccola: vedremo cosa riusciremo a fare... Wilson? E' uno dei nomi che ci è stato offerto, perché si tratta di uno dei pochi giocatori comunitari attualmente senza squadra"...