Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Cantù sbanca il PalaCarrara: per la salvezza resta solo la matematica

Pubblicato in Prima Squadra - Sabato 27 Aprile 2019

Generosa prova dei biancorossi, che, senza Auda, tengono botta per tre quarti di partita, prima di soccombere nel quarto periodo sotto i colpi di Stone e Jefferson.

E' ancora l'ultimo quarto ad essere fatale per la OriOra, che perde 84-74 contro Cantù e vede affievolirsi sempre più la speranza di poter restare in serie A.

I biancorossi, privi di Auda, rimasto ai box per un infortunio al piede che sarà valutato con maggior precisione la prossima settimana, hanno disputato una prova comunque generosa, dimostrando attaccamento alla maglia e dedizione alla causa, ma la lanciatissima Cantù (alla decima vittoria nelle ultime tredici gare) si è rivelato ostacolo troppo duro da superare per Della Rosa e compagni.

E dire che la gara si era aperta nel modo giusto per una OriOra che nel primo quarto ha fatto senza dubbio vedere ottime cose, con un Peak sugli scudi e, più in generale, una fluidità offensiva da applausi. Il 25-19 (con tanto di 10-4 di parziale negli ultimi due minuti) maturato allo scadere del decimo minuto lasciava intravedere la possibilità di una gara quantomeno equilibrata, con Cantù a farsi preferire nel pitturato, ma Pistoia brava a mischiare le carte con quintetti piccoli, difesa aggressiva e grande dinamismo. Il +7 (32-25) del 13' segnava il massimo vantaggio per i biancorossi, prima che gli ospiti (guidati da uno Stone alla miglior prova stagionale) riuscissero a ribaltare tutto passando a condurre sul 34-36 al 16'. Quattro punti consecutivi dell'indemoniato Peak restituivano però subito il vantaggio alla OriOra, ma i cinque punti di Gaines inchiodavano il risultato sul 41 pari all'intervallo lungo.

Nel secondo tempo, Cantù prendeva subito il controllo del punteggio con Gaines e Carr e da quel momento Pistoia (costretta a fare i conti anche con il prevedibile calo di Peak) non sarebbe mai più riuscita a rimettere la testa avanti. Jefferson spingeva i suoi fino al +8 (48-56 al 27'), sfruttando un paio di minuti di black-out dei biancorossi, ma la reazione dei ragazzi di Moretti, con tano di tripla di Odum teneva la gara apertissima (55-58) all'ultimo mini-intervallo.

Cantù ripartiva però di slancio in apertura di quarto periodo (59-67 al 33') e a quel punto per Della Rosa e compagni diventava progressivamente sempre più difficile provare a restare in scia. I biancorossi tornavano a -6 (63-69), ma Jefferson assestava il colpo di grazia e di fatto metteva la parola "fine" all'incontro almeno tre minuti prima della sirena finale.

Pistoia dunque scivola sempre più verso l'A2, mentre Cantù consolida la sua posizione in zona playoff. E domani sono in programma le altre gare del ventottesimo turno...