Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Peak: "Con Venezia non abbiamo lottato come dovevamo. Abbiamo studiato Milano: sarà difficile, ma stiamo preparando bene la partita".

Pubblicato in Prima Squadra - Giovedì 18 Ottobre 2018

Il giocatore americano parla della sconfitta con i lagunari, ma guarda oltre: "Ha ragione il coach, non abbiamo eseguito il piano partita. C'è bisogno di trovare la giusta chimica e stiamo lavorando tutti in questa direzione".

E' L.J. Peak a fare il punto sulla situazione in casa OriOra Pistoia. Dimenticare in fretta Venezia e preparare al meglio la difficilissima sfida sul campo della corazzata Armani Milano: questo il duplice obiettivo dei biancorossi. Il giocatore americano non si nasconde: sa che per provare a rendere quantomeno la vita difficile alla formazione campione d'Italia servirà una prestazione diversa rispetto a quella di domenica: "La partita con Venezia è stata certamente difficile -ammette Peak- e per prepararci per Milano abbiamo studiato a fondo la squadra e i giocatori con lo staff tecnico, per conoscerli al meglio. Sappiamo che sarà difficilissimo, perché loro sono un top team a livello europeo. Dovremo essere bravi a correre, accelerare le transizioni e giocare in velocità".

Su cosa sia successo contro la Reyer, Peak ha le idee chiare: "Condivido l'analisi del coach. Non abbiamo lottato come avremo dovuto: sempre, ma a maggior ragione contro certe squadre, è importante buttarsi su tutti i palloni e noi lo abbiamo fatto solo parzialmente. Non abbiamo eseguito il piano partita, ci siamo disuniti e ci siamo persi. C'è bisogno di trovare la giusta chimica di squadra -prosegue Peak- ma sappiamo bene che il tempo è poco. Quel che è certo è che tutti noi stiamo lavorando in questa direzione". 

Fra i vari stranieri, il giocatore della South Carolina è l'unico all'esordio in Europa: "Il basket è basket ovunque -sorride Peak- e le differenze sono piccole, si tratta di fare qualche aggiustamento e trovare la giusta alchimia con i compagni, capire cosa fare meglio e quello di cui c'è bisogno da parte di tutti. Il segreto, se così lo vogliamo chiamare, è tutto qui. Bisogna concentrarsi sul presente, partita dopo partita: per quanto mi riguarda il principale obiettivo è dare il massimo per la squadra, vincere il più possibile ed essere competitivi, sicuramente più di quanto lo siamo stati domenica". 

Peak chiude poi con un pensiero rivolto al pubblico: "I tifosi di Pistoia sono straordinari, l'ho capito fin dal primo impatto. Domenica ci hanno davvero fatto sentire il loro supporto, nonostante le difficoltà e la sconfitta. Vogliamo vincere anche per loro, perché lo meritano".