Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Capecchi: "Pretendiamo rispetto"

Pubblicato in Prima Squadra - Domenica 20 Gennaio 2019

Il presidente tuona contro l'arbitraggio: "Se dobbiamo retrocedere, vogliamo farlo sul campo e per i nostri demeriti".

Tuona in sala stampa il presidente Massimo Capecchi: "Chi mi conosce sa quanto io non vorrei essere qui adesso, anche perché a fine partita è giusto che parlino gli allenatori e i giocatori. Quanto successo stasera però è, dal nostro punto di vista inaccettabile. Se dobbiamo retrocedere -sono le parole del presidente biancorosso- vogliamo farlo sul campo e per i nostri demeriti, non per gli arbitraggi o perché ci sono squadre che giocano a settimane alterne a seconda degli stipendi pagati o non pagati, o ancora perché c'è chi fa giocare giocatori pagati da altre società. L'arbitraggio di questa sera, in particolare, è stato assolutamente intollerabile: non lo accettiamo, perché in una partita del genere, una differenza di diciassette tiri liberi a favore di Pesaro è ingiustificabile e inspiegabile. Pretendiamo rispetto -conclude Capecchi- perché siamo, e parlo a nome di tutta la società, persone serie".