Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Ramagli: "C'è rammarico, ma la partita di stasera ha detto che siamo competitivi"

Pubblicato in Prima Squadra - Domenica 17 Marzo 2019

Il tecnico parla anche della sua posizione: "Ogni allenatore è in discussione, specie dopo le sconfitte. La situazione è pesante, ma la squadra stasera ha dato delle risposte, poi ovviamente spetta alla dirigenza fare tutte le valutazioni del caso

Al termine della gara con Sassari, coach Ramagli, chiamato a commentare un'altra sconfitta, è ovviamente dispiaciuto: "La prima considerazione -esordisce il tecnico di fronte ai microfoni- è che la partita doveva essere questa, in termini di intensità, di fisicità e di impatto difensivo. C'è grande rammarico, è chiaro, ma non mi sento di dover fare grandi rimproveri ai ragazzi: gli errori ci sono stati, ma i tuoi errori poi fanno parte anche della prestazione degli altri. Analizzando meglio la gara, credo che nel secondo tempo abbiamo lasciato troppo l'area ai nostri avversari, anche se loro sono stati molto bravi perché comunque non abbiamo assolutamente regalato niente, siamo migliorati nella gestione dei falli, nel non lasciare transizioni e anche a livello di palle perse siamo riusciti a controllarle meglio rispetto a domenica scorsa. Poi magari, nel supplementare -afferma Ramagli- a livello di energia e di selezione dei tiri si è vista un po' di differenza fra noi e loro, ma guardando anche il minutaggio dei singoli, credo che i giocatori che devono fare la partita, che siano di Sassari o di Pistoia, alla fin fine devono stare in campo".

Ramagli prosegue poi nella sua analisi: "E' stata una partita dura: le due squadre hanno combattute e se le sono date. I tiri sono spesso stati sporchi, contesi, difficili e loro, negli episodi sono stati più bravi. Abbiamo giocato partite, in precedenza, dove non siamo riusciti a essere competitivi fisicamente e difensivamente, mentre stasera la partita ha detto qualcosa di diverso. E' ovvio che tutti sono arrabbiati e delusi, ma noi lo siamo ancora di più, ma in termini di quello che noi dobbiamo fare per raggiungere la salvezza, questa gara ha dato delle indicazioni importanti, anche se alla fine quelli che contano sono i punti. Martedì però -afferma con decisione il coach- dobbiamo avere grande equilibrio nel rianalizzare la nostra gara, sia a livello di cose positive che negative: come ci ripresenteremo in palestra alla ripresa degli allenamenti sarà fondamentale, perché partite come quella di stasera rischiano di lasciare delle scorie".

In chiusura, il tecnico parla anche della sua posizione: "Io sono in discussione tutte le domeniche sera, dopo ogni partita e a maggior ragione dopo le sconfitte e noi, da inizio gennaio, abbiamo sempre perso: fa parte del gioco delle parti. Ma la squadra stasera ha dimostrato di crederci, ha fatto vedere di poter giocare una buona gara contro avversari, magari in un momento difficile, ma che, non ci dimentichiamo, sono di alto livello. Questo significa che i ragazzi recepiscono le sollecitazioni e sono sul pezzo, poi ovviamente spetta ai dirigenti fare tutte le valutazioni del caso. Dal punto di vista personale -conclude Ramagli- certo, è pesante perdere. Ed è ancora più pesante quando perdi ed è sempre colpa tua, ma l'allenatore deve sapere che è il primo responsabile di ogni sconfitta e questo fa parte del gioco. A volte leggo, con dispiacere, che il problema sarebbe il mio contratto: il mio contratto posso assicurare che non impiccia nessuno e non è indubbiamente un problema per la società. Mi permetto di dirlo perché non amo quelle che sono soltanto chiacchiere da bar".