Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Esposito: "Guai a guardare la classifica"

Pubblicato in Prima Squadra - Sabato 23 Gennaio 2016

Il tecnico biancorosso presenta la gara con Pesaro: "Squadra che ha cambiato volto nell'ultimo mese e che è già stata capace di fare vittime illustri

In vista del posticipo di lunedì sera con Pesaro, coach Esposito fa il punto sulla situazione nella consueta conferenza stampa del sabato: "Siamo in una settimana insolitamente lunga di preparazione alla partita -spiega il tecnico biancorosso- e ci siamo appena lasciati alle spalle una vittoria bella, importante, ottenuta fuori casa e contro una squadra che aveva oggettivamente bisogno di punti. Sono sicuramente risultati che danno al gruppo fiducia, morale e sicurezza, anche se adesso ci troviamo ad affrontare una gara completamente diversa: giochiamo contro una squadra che, come Brindisi ha assoluto bisogno di punti, ma tecnicamente Pesaro è una formazione abbastanza diversa. Affrontiamo una squadra -prosegue Esposito- che fa del talento individuale e del gioco in contropiede "selvaggio" le sue armi migliori".

Esposito non vuole sentir parlare di partita sulla carta agevole: "Pesaro è una squadra che nell'ultimo mese, indipendentemente dalla classifica, ha cambiato volto, distribuendo meglio il proprio talento offensivo e che fin qui ha fatto delle vittime importanti come Venezia e Milano e questo -afferma Esposito- credo basti per parlare di una partita in cui la cosa assolutamente da evitare sarà quella di guardare la classifica".

Sul piano tattico, Esposito prevede una partita particolare: "Proprio per il tipo di squadra che è Pesaro, la difesa con grosse responsabilità individuali, prima ancora che collettive, unita alla necessità di limitare le loro giocate in campo aperto, saranno alcune delle chiavi della partita. Sarà possibile ritrovarsi a fare i conti anche con accoppiamenti un po' strani, ma in ogni caso -sono le parole del tecnico- dovremo esser bravi  a non far mai intravedere ai nostri avversari qualche spiraglio di luce, perché hanno talento e sfrutteranno al massimo ogni nostra debolezza per cercare di riportare la partita a casa".