Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Serata amara a Cremona: la Giorgio Tesi Group cade al PalaRadi

Pubblicato in Prima Squadra - Lunedì 23 Novembre 2015

I biancorossi subiscono la grande aggressività dei padroni di casa, vanno sotto di 11 nel primo quarto e non riescono più a reagire: finisce 82-66 per la squadra di Pancotto, che centra la quarta vittoria consecutiva

La Giorgio Tesi Group cade a Cremona, in una partita davvero molto complicata per i biancorossi, in evidente difficoltà fin dalle prime battute del match e, di fatto, quasi mai in grado di impensierire una Vanoli apparsa solida in difesa e ispirata in attacco. Finisce 82-66, ed è un passivo che ci sta tutto.

L'asse Vitali-Cusin ha tolto fin da subito certezza alla difesa biancorossa, che non ha saputo trovare le contromosse necessarie a disinnescare il gioco dei padroni di casa: Pistoia così, sistematicamente punita nel primo quarto, ha finito per perdere fiducia anche in fase offensiva, finendo nella rete predisposta da coach Pancotto.

Sulla partita, ben poco (purtroppo) da dire: i biancorossi, dopo l'iniziale, effimero, vantaggio di 5-2, si sono rapidamente smarriti, pagando oltre misura la grande aggressività di una Vanoli che ha avuto punti e intensità da tutti i giocatori a referto. Certo, per la Giorgio Tesi Group ci sono da ricordare le non perfette condizioni fisiche di Knowles, Czyz e Blackshear (autore comunque di una prova generosa), ma Cremona merita comunque gli applausi per la personalità e la forza con cui ha saputo condurre la gara.

Il match si è sostanzialmente deciso nel primo quarto, terminato 26-15 per i padroni di casa. Da quel -11 Pistoia non riuscirà infatti più a rientrare, finendo anzi per scivolare anche a -20 nel corso del terzo quarto, senza mai dare l'impressione di poter trovare la scintilla capace, quantomeno, di riaprire il match. 

Alla fine, dunque, festa grande per una Cremona capace di centrare la quarta vittoria consecutiva e di salire a quota 10 in classifica, mentre fra i biancorossi gli umori sono, comprensibilmente, di natura diversa. Da domani ci sarà però da voltare pagina, cercando di focalizzare l'attenzione sugli errori commessi e sulla difficile sfida interna di domenica contro i vice-campioni d'Italia della Grissin Bon Reggio Emilia.