Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

OriOra, esordio amaro a Pesaro

Pubblicato in Prima Squadra - Domenica 7 Ottobre 2018

I biancorossi, dopo una gara molto equilibrata, cedono nel finale e soccombono ai marchigiani: finisce 83-77

La OriOra esce sconfitta dall'Adriatic Arena, al termine di una partita molto equilibrata, che i ragazzi di coach Ramagli si sono vista sfuggire solo nel finale. Fa festa dunque Pesaro, che si impone 83-77, grazie soprattutto a un ultimo quarto da 26 punti, mentre Pistoia si lecca le ferite e recrimina anche qualcosa per un (dubbio) fallo antisportivo fischiato a Kerron Johnson sul 79-77 a 30 secondi dalla sirena finale.

I 40 minuti in terra marchigiana hanno detto comunque che la OriOra ha sicuramente un'identità: la squadra di coach Ramagli ha avuto un buon approccio alla partita, disputando un primo quarto di grande personalità. La gara, sempre in equilibrio, non ha visto strappi né dall'una né dall'altra parte: a spostare l'ago della bilancia dalla parte di Pesaro sono dunque stati i dettagli, compresa l'assenza di Martini che, scavigliatosi nell'allenamento di giovedì, ha provato a stringere i denti ma, di fatto, non è riuscito a scendere in campo. Un vero peccato, perché indubbiamente l'energia del livornese avrebbe fatto tanto comodo a una Pistoia che, nel finale, è indubbiamente un po' mancata sul piano della lucidità, anche a causa delle tante energie spese nel corso del match.

A proposito di dettagli, poi, note stonate la pessima percentuale ai liberi (appena il 56%, a fronte dell'83% di Pesaro) e le tante (15) palle perse. Coach Ramagli può comunque ripartire, oltre che dall'atteggiamento dei suoi ragazzi, dalle buone prove di Kerron Johnson (20 punti con 8/13 dal campo), Auda e Peak (15 a testa), in vista dell'esordio in casa domenica prossima contro Venezia: una sfida sicuramente proibitiva ma in cui i biancorossi proveranno a sovvertire il pronostico per riscattare subito la sconfitta odierna.