Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

The Flexx, non basta il cuore: Varese si impone negli ultimi due minuti

Pubblicato in Prima Squadra - Domenica 29 Ottobre 2017

I ragazzi di coach Esposito si portano anche avanti di 8 lunghezze, poi accusano la stanchezza ed escono battuti 81-73 dai lombardi.

Una The Flexx in emergenza ma sempre generosa non riesce a compiere l'impresa di sbancare Masnago e torna da Varese con la terza sconfitta consecutiva. E' stata una partita nel complesso equilibrata, che i ragazzi di coach Esposito sembravano in grado di far girare fra fine terzo e inizio quarto periodo, ma che i padroni di casa sono stati bravi a non farsi sfuggire grazie a un ultimo quarto da 28-14 di parziale, di fronte a una squadra che ha evidentemente pagato dazio alla stanchezza, specie negli ultimi tre minuti.

La The Flexx, senza McGee (il giocatore americano si opererà domani), con Gaspardo alle prese con una scavigliata nel primo tempo e con Kennedy subito gravato dai falli, ha giocato in maniera discontinua sul piano dell'intensità, alternando momenti positivi a qualche passaggio a vuoto, soprattutto a livello difensivo.

La gara è comunque sempre rimasta in equlibrio, anche perché Pistoia, che ha mostrato confortanti segnali di risveglio rispetto alle ultime due prestazioni, ha allungato fino a +8 nel quarto periodo (53-61 al 38'), prima di cedere, per la verità piuttosto improvvisamente, negli ultimi minuti. Nel giro di 120 secondi, infatti, Varese ha sì impattato a quota 63, ma la The Flexx è stata bravissima a parare il colpo e a reagire (73-73 a meno di tre minuti dalla sirena finale). Quando tutto lasciava presagire un arrivo in volata, invece, ecco che Wells ha vestito i panni del guastatore: il playmaker americano di Varese ha infatti siglato undici degli ultimi dodici punti dei suoi, inchiodando a terra una Pistoia a quel punto stanca, frustrata e incapace di reagire. 

L'81-73 finale è risultato forse troppo severo per Moore e compagni, che rientrano in Toscana battuti, ma a testa alta. L'obiettivo è quello di serrare le fila e puntare con decisione al successo nel match interno di sabato sera contro Cantù.