Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Troppa Reyer per la OriOra: Venezia, con un grande secondo tempo, si impone 95-72

Pubblicato in Prima Squadra - Domenica 27 Gennaio 2019

Ottima prova dei biancorossi nel primo tempo (44-44), poi i lagunari si scatenano e i biancorossi devono arrendersi.

Una OriOra "spuntata" si spegne dopo un ottimo primo tempo al Taliercio e alza bandiera bianca contro la Reyer, che si impone largamente con il punteggio di 95-72.

I biancorossi, privi di un americano (nell'attesa che venga colmato il vuoto lasciato da Dominique Johnson), partono senza alcun timore reverenziale al cospetto dei lagunari, con la faccia già vista nello sfortunato match di due settimane fa contro Avellino: avanti per 12-6 dopo i primi cinque minuti, i ragazzi di coach Ramagli si mantengono in vantaggio per tutto il primo quarto (21-15 al 9'), con Venezia che riesce però a rientrare con Watt e De Nicolao proprio in chiusura di periodo (21-20 allo scadere del decimo minuto).

Nel secondo quarto, Pistoia conferma le buone impressioni destate a inizio gara e resiste con personalità ai tentativi di spallata da parte della Reyer. Auda e Krubally mettono in difficoltà la difesa orogranata e la OriOra si riporta avanti di 6 (38-32 al 16'), ma la formazione di coach De Raffaele tiene botta e all'intervallo lungo la situazione è di perfetta parità a quota 44.

La musica cambia di colpo nel terzo periodo, quando la Reyer alza clamorosamente la propria intensità difensiva e Pistoia comincia a patire in maniera evidente lo strapotere fisico dei padroni di casa: i biancorossi reggono i primi quattro minuti, poi la tripla di Stone che vale il sorpasso (51-50) segna, di fatto, l'inizio della fine per Della Rosa e compagni, che vengono puniti a turno dagli avversari, ma soprattutto da un Mazzola infallibile da oltre l'arco. Il 67-54 che matura allo scadere del trentesimo fotografa bene l'andamento di un quarto in cui Pistoia ha potuto veramente fare poco e le cui ripercussioni, anche a livello mentale, si vedono tutte pure nell'ultimo periodo.

La Reyer infatti, con il solito Mazzola, raggiunge il +20 (77-57 al 33') e da quel momento, di fatto, gestisce la gara. La OriOra cerca di non farsi travolgere, ma finisce sotto di 23: la punizione, indubbiamente, è fin troppo severa, ma è innegabile che i ragazzi di coach Ramagli dovranno chiedere ad altri avversari i punti per raggiungere una salvezza difficile ma che, complici le sconfitte interne di Torino e Reggio Emilia, resta pur sempre alla portata...

(Foto Ciamillo/Castoria - Lega Basket)