Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Oggi pomeriggio la sfida con Avellino. Esposito: "Proveremo a far capire a tutto il campionato che qui non si passa facilmente"

Pubblicato in Prima Squadra - Domenica 5 Febbraio 2017

Il tecnico biancorosso presenta la gara con i campani: "Avellino è la vera antagonista di Milano"

Questo pomeriggio (palla a due alle 18.15, arbitri Begnis, Paglialunga e Boninsegna), la The Flexx va a caccia dell'impresa: battere la super corazzata Avellino vorrebbe dire non solo regalare l'ennesima serata magica al pubblico del PalaCarrara, ma probabilmente compiere anche un passo decisivo verso quella salvezza anticipata che è il dichiarato obiettivo stagionale del convoglio biancorosso.

Gli irpini vengono dal largo successo ottenuto contro Milano sei giorni fa e (nonostante l'assenza per infortunio di Cusin) sono, senza dubbio, la squadra più in forma del campionato. Cinque vittorie nelle ultime sei partite, ma soprattutto l'aver nettamente battuto un Armani che anche in Europa ha chiaramente dimostrato di aver superato il proprio momento no, rendono la formazione di coach Sacripanti cliente decisamente scomodo. 

Vincenzo Esposito non nasconde la difficoltà dell'impegno, ma si mostra fiducioso: "Veniamo dalla nostra miglior gara in trasferta -afferma il coach biancorosso nella consueta conferenza stampa pre-gara- e se ripartiamo da lì e riusciamo a giocare la nostra solita partita casalinga, fatta di determinazione, cuore, voglia e spirito di sacrificio, beh, non sarà facile neppure per Avellino. In settimana ho visto i ragazzi carichi e anche arrabbiati dopo la sconfitta di Brindisi: conosciamo bene il valore dei nostri avversari, e sappiamo che non è la gara della vita, anche perché abbiamo obiettivi diametralmente opposti, ma provare a vincere, o quantomeno riuscire a fare una grande prestazione, vorrebbe dire far capire a tutte le squadre di serie A che qui a Pistoia è dura per chiunque passare indenne".

Il tecnico casertano si sofferma poi sulla forza di Avellino: "Sono una squadra esperta, a eccezione di un paio di americani giovani ma che comunque hanno disputato stagioni importanti a livello universitario, profonda, di talento: insomma, come ho detto per chiarire le cose ai ragazzi -sorride Esposito- gente che sa giocare a pallacanestro. Parliamo di una squadra che anche sul piano atletico è fra le migliori del campionato: insieme a Venezia e a Reggio Emilia, una volta che avrà recuperato tutti gli effettivi, considero Avellino come la vera antagonista di Milano per la conquista dello scudetto. Mancherà Cusin -prosegue Esposito- ma quando hai una batteria di lunghi composta da Fesenko, Zerini, Thomas e Leunen, beh, non ha molto senso parlare degli assenti".