Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Esposito: "Divario tecnico evidente"

Pubblicato in Prima Squadra - Domenica 22 Ottobre 2017

Il tecnico biancorosso commenta la sconfitta contro Avellino: "Dobbiamo lavorare per provare a giocarci fino in fondo, non a vincere, partite come queste"...

Accetta con una buona dose di serenità il verdetto del campo, coach Esposito. Il tecnico biancorosso, in sala stampa, non usa giri di parole: "In questo momento Avellino è una squadra fuori dalla nostra portata. Quando hanno alzato ritmo e intensità, il divario tecnico è stato evidente e alla lunga direi che è venuto fuori in tutta la sua chiarezza. Con lo staff prepariamo le partite per esaltare le nostre qualità e limitare gli errori -sono le parole di Esposito- ma alla lunga la differenza dei valori viene fuori. Non eravamo esaltati dopo le prime due vittorie, non dobbiamo essere abbattuti adesso, ma dobbiamo anzi essere consapevoli di dover lavorare molto e crescere per limitare gli errori al minimo, anche se non è detto che pure facendo la partita perfetta riesci a vincere contro certe corazzate".

Il tecnico poi analizza la gara: "Il terzo e quarto fallo di McGee hanno influenzato negativamente la squadra sul piano emotivo,abbiamo comunque limitato il numero di palle perse e vinta la lotta a rimbalzo, ma quando Avellino ha alzato la propria intensità, da tutte e due le parti del campo, a noi sono evidentemente mancate le energie. Abbiamo giocato bene un quarto -sentenzia Esposito- mentre loro tre: direi che la fotografia della partita sta tutta qua. Molti dei nostri giocatori, al momento, non sono pronti per giocare a un livello così alto, per quaranta minuti, cotnro squadre come Avellino: dobbiamo lavorare per giocarcela, non per vincerla, contro avversari di questa qualità".

Esposito chiude poi sulla situazione legata a McGee: "Il giocatore è stato anche oggi disponibilissimo. Purtroppo sono tre settimane che gioca allenandosi solo il venerdì: monitoriamo le cose e vediamo se ci sarà la necessità e a quel punto la possibilità per intervenire sul mercato".