Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

The Flexx generosa, ma a Sassari non basta

Pubblicato in Prima Squadra - Sabato 16 Dicembre 2017

I biancorossi disputano una buona prestazione al cospetto della Dinamo, ma cedono nel finale: finisce 88-81.

Dopo trenta minuti senz'altro molto positivi, la The Flexx cede al maggior tasso tecnico di Sassari e alza bandiera bianca al PalaSerradimigni. Finisce 88-81 per i sardi, che conquistano la settima vittoria consecutiva, mentre Pistoia interrompe la propria striscia a due successi, ma torna dalla trasferta isolana con la certezza di essere ormai pronta per fare partita anche con squadre di primissima fascia. 

I biancorossi hanno tenuto il campo con personalità e intelligenza, nonostante i cronici problemi a livello di organico: Sassari ha dovuto trovare una serata da oltre il 50% dai 6.75 per tenere la testa avanti per buona parte dei 40 minuti, affidandosi a un Bamforth particolarmente ispirato e a un paio di triple di Spissu nel momento decisivo del match. La The Flexx è piaciuta per la grande abnegazione e per la solita prova corale: coach Esposito ha avuto conferme da Bond e Gaspardo, con il rientrante Kennedy autore di una prestazione se non brillante comunque solida.

I biancorossi, bravi a non perdere contatto nel primo quarto (26-23), hanno messo anche la testa avanti nel secondo (32-36 al quindicesimo), interpretando bene la partita e distribuendo con intelligenza il proprio rendimento offensivo. Moore e compagni sono apparsi solidi mentalmente anche ai ripetuti tentativi di allungo da parte locale nel terzo periodo, rientrando senza eccessivi patemi due volte da passivi che potevano diventare complicati da gestire (60-51 al 27'). Negli ultimi dieci minuti, poi, un paio di errori in attacco e qualche palla persa di troppo, hanno dato fiducia a una Dinamo che con Spissu ha trovato le due triple (consecutive) della sicurezza.