Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Il terzo quarto costa carissimo alla The Flexx: Brindisi vince e ribalta la differenza canestri

Pubblicato in Prima Squadra - Domenica 28 Gennaio 2018

I biancorossi cadono al PalaPentassuglia al termine di una partita dai due volti: bene nel primo tempo, male nel secondo. Finisce 88-74 nonostante i 19 punti a testa di McGee e Gaspardo

Partita dai due volti quella della The Flexx al PalaPentassuglia. Dopo un buon primo tempo, infatti, i biancorossi crollano nel terzo quarto, incassando 33 punti e di fatto lasciando via libera a Brindisi per il successo finale. Non solo: i padroni di casa riescono anche a ribaltare la differenza canestri e quindi per Pistoia la trasferta in Puglia (iniziata sotto i migliori auspici, vista la prima metà di gara) si trasforma cammin facendo in una sorta di via crucis.

Finisce 88-74 per l'Happy Casa, che compie un passo forse determinante verso la salvezza, mentre per i ragazzi di coach Esposito, dopo la vittoria con Capo d'Orlando, arriva una sconfitta che deve far serrare le fila in vista della delicata sfida interna di domenica contro Cremona. La prestazione dei biancorossi è stata sicuramente buona nel primo tempo: guidata da McGee e Gaspardo, infatti, Pistoia ha prima risposto puntualmente all'ottimo inizio brindisino (dall'11-6 del 3' minuto al 15-16 dell'8'), per allungare progressivamente fino al massimo vantaggio di 9 punti (35-44), toccato al 19'.

Brindisi, che ha comunque chiuso con un mini-break di 4-0 il secondo quarto, ha però totalmente cambiato registro nel terzo periodo, trovando un Nic Moore ispiratissimo e realizzando canestri anche ad elevato coefficiente di difficoltà: incassato un mortifero 10-0 di parziale, la The Flexx è rimasta in scia fino a che ha potuto (63-58 al 28'), poi, tra la fine del terzo periodo e l'inizio del quarto ha dovuto issare bandiera bianca. Sprofondata a -11 (74-63 al 31'), infatti, la squadra di coach Esposito non ha saputo più rialzare la testa, sbagliando anche alcuni liberi di troppo e molti tiri aperti in un finale che si è trasformato in una passerella trionfale per Brindisi, che centra il quarto successo nelle ultime cinque gare e si stacca forse definitivamente dal fondo della classifica.