Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Esposito: "Giocare contro Brescia è complicato, ma per molti di noi potrebbe essere l'ultima partita con Pistoia e questo deve essere un grande stimolo per tutti"

Pubblicato in Prima Squadra - Martedì 8 Maggio 2018

Il tecnico presenta la partita di domani: "Loro squadra molto costante lungo tutto l'arco della stagione, ancora una volta conteranno le motivazioni".

Ultima conferenza stampa pre-partita per coach Esposito, che questa mattina così presenta la sfida di domani con Brescia: "Affrontiamo una squadra che, insieme a Venezia, è forse quella che ha mantenuto il rendimento più costante nella stagione. Si tratta di una formazione che ha cambiato poco negli ultimi due anni e che merita il massimo rispetto per quanto fatto finora, sia in casa che fuori. Giocare contro di loro -afferma Esposito- è molto complicato, perché hanno talento, punti nelle mani, esperienza e una straordinaria capacità di variare molto bene le difese. Per noi vale lo stesso discorso già fatto prima delle partite contro Bologna o Milano: sono gare da affrontare con quella motivazione che purtroppo negli ultimi match non abbiamo avuto. Spero -prosegue il coach- che domani la squadra riesca a trovare quegli stimoli in più che dà una partita che per molti di noi potrebbe essere anche l'ultima con la casacca o la camicia di Pistoia addosso".

Logico, quindi, tornare a parlare del futuro del coach casertano: "Per me non c'è niente di nuovo rispetto a quanto già detto -spiega Esposito- e quindi io sono tranquillo. Di ufficiale c'è solo il contratto firmato con Pistoia dieci mesi fa: tutto il resto al momento sono voci che credo terranno banco ancora per un po', fino a che non ci saranno reali novità".

Indipendentemente da tutto, Esposito sarebbe però felice di chiudere al meglio una stagione non fortunata: "Servirà una gara di grande solidità difensiva, mentre in attacco dovremo essere bravi a limitare le palle perse. A causa delle assenze saremo anche costretti a ricorrere, come già fatto contro Milano, a quintetti atipici, ma più che una questione tecnica saranno le motivazioni a poterci spingere oltre, per provare a colmare il gap che ci divide da una squadra come Brescia. Dobbiamo giocare al massimo, per noi, per il club e per la gente"...