Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

La Giorgio Tesi Group esce a testa alta dalle Final Eight

Pubblicato in Prima Squadra - Venerdì 19 Febbraio 2016

Per il primo storico appuntamento della sua storia con le Finali di Coppa Italia, al seguito della Giorgio Tesi Group sono circa 500 tifosi giunti dalla Toscana e, in un Forum tutt’altro che gremito (di venerdì a mezzogiorno…), la presenza biancorossa è nettamente superiore a quella bianconera. Sugli spalti, dunque, Pistoia batte il capoluogo trentino, a ennesima riprova di una passione che davvero non conosce rivali in Italia.

Coach Esposito deve rinunciare, come previsto, a Filloy e Moore e si affida a Knowles in cabina di regia, con Blackshear, Lombardi, Czyz e Kirk a completare il quintetto. Il primo canestro della partita lo realizza Czyz, ma il primo strappo della partita è di marca bianconera, con la tripla di Forray che vale l’8-2 dopo quattro minuti. Pistoia si sveglia dal torpore iniziale con sette punti di Lombardi, che con un bel tape-in firma anche il sorpasso (11-10 al settimo). Trento non brilla offensivamente sotto le plance, mentre la Giorgio Tesi Group pur costruendo buoni tiri non trova fortuna dall’arco dei 6.75 (0/9 nei primi dieci minuti): logico che la prima frazione si chiuda su un sostanziale equilibrio (17-15 per la Dolomiti Energia) che fotografa bene quanto visto sul parquet.

Il secondo quarto si apre sulla falsariga dei primi dieci minuti, ma Pistoia difende con grande energia e l’attacco di Trento finisce per incepparsi: i biancorossi, che in fase offensiva continuano a fare la voce grossa nel pitturato, trovano così il primo vantaggio di una certa consistenza (29-24) a sei minuti dall’intervallo lungo, costringendo coach Buscaglia a parlarci su. Trento non rientra bene dal minuto di sospensione: Berggren commette fallo in attacco e sul rovesciamento di fronte, Blackshear trova prima la tripla del +8, poi è Kirk da sotto a firmare il +10. I bianconeri sono bravi comunque prima a rimanere in scia e poi a rientrare, soprattutto grazie alla tripla di Sanders e a tre canestri da sotto di Pascolo: alla sirena di metà gara, così, la partita si presenta di nuovo in equilibrio, anche se stavolta avanti c’è Pistoia (39-37).

In apertura di terzo periodo, Wright firma subito il 4-0 con cui Trento rimette la testa avanti. Due perse di Lombardi e Knowles vengono poi punite dall’attacco dei bianconeri (48-45 per la Dolomiti Energia al venticinquesimo), ma sono la tremenda percentuale da 3 e le troppe infrazioni a spedire Pistoia a -6. Il canestro in acrobazia di Lockett complica ulteriormente le cose e dunque coach Esposito è costretto a chiamare un minuto di sospensione che non sembra portare particolarmente consiglio alla Giorgio Tesi Group che incassa anche l’alley-oop del -10 (45-55 al ventottesimo). I biancorossi faticano, coach Esposito si infuria in panchina e Trento allunga, raggiungendo il massimo vantaggio di 14 punti proprio sulla sirena che pone fine a un quarto da 26-10 di parziale a favore della squadra di coach Buscaglia.

Mastellari trova le due triple consecutive che riportano Pistoia a -10 dopo meno di un minuto dall’inizio dell’ultimo periodo, Czyz lo imita poco dopo e così la Giorgio Tesi Group sembra tornare in partita (60-68 a 7’15’’ dallo scadere). Sei punti di Wright (incredibile canestro dai sette metri) e Sutton (gioco da tre punti) chiudono però la contesa: Trento continua nella sua ottima serata dalla linea dei 6.75 (alla fine saranno ben 10 su 18 le triple infilate dalla truppa di coach Buscaglia; non male per una formazione che in campionato tira con il 29% da oltre l’arco), raggiunge il massimo vantaggio sul 77-60 e poi controlla agevolmente fino alla fine, al cospetto di una Giorgio Tesi comunque generosa che ricuce il divario fino all’81-74 finale ed esce dal campo fra gli applausi.