Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Cantù amara: la Giorgio Tesi Group si arrende nel finale

Pubblicato in Prima Squadra - Lunedì 29 Febbraio 2016

I biancorossi partono bene, poi esce fuori la qualità del roster avversario: finisce 82-74, con Pistoia in partita comunque fino all'ultimo minuto.

La Giorgio Tesi Group cade alla distanza sul parquet di Cantù, alzando bandiera bianca negli ultimi minuti di un match tirato e intenso che gli uomini di Esposito hanno ben interpretato almeno per tre quarti. L'82-74 è un punteggio troppo severo per una Pistoia che a due minuti dalla fine era sotto appena di due lunghezze (74-72) con palla in mano, ma va comunque detto che i padroni di casa, costretti spalle al muro da una classifica bisognosa di punti, non hanno rubato niente.

I biancorossi si trovano così a raccogliere i cocci della quarta sconfitta consecutiva in campionato, ma possono ripartire dalle buone cose fatte vedere dal solito Kirk, dal sempre più costante Lombardi e dall'ultimo arrivato Amato. In attesa del rientro di Filloy, per coach Esposito non mancano comunque alcune indicazioni positive, anche se Cantù ha fatto valere tutta la qualità di un roster sì ricostruito almeno due volte, ma che, per nomi, vale senza dubbio le prime cinque posizioni in classifica. 

Passando alla cronaca del match, dopo un ottimo avvio di marca biancorossa (3-12 dopo tre minuti), è Heslip a riportare in partita i suoi, grazie a tre triple di capitale importanza che permettono ai lombardi di restare in scia in un primo quarto in cui comunque Pistoia fa la voce grossa (17-23), soprattutto da oltre l'arco. Nel secondo quarto l'inerzia della partita cambia e Cantù chiude sotto di una sola lunghezza (41-42), grazie al gioco da tre punti dell'ottimo Fesenko proprio sulla sirena.

Il secondo tempo inizia bene per Pistoia, nonostante i problemi di falli (soprattutto ai danni di Czyz), ma è ancora Heslip a ridare ossigeno ai suoi in un momento topico della gara. Al trentesimo si va così al riposo sul 59 pari, con la Giorgio Tesi Group che incassa un mini-break di 5-0 negli ultimi centoventi secondi. L'ultimo periodo vede Pistoia tornare avanti (67-70), grazie soprattutto a Blackshear, ma a lungo andare dal duello sotto i tabelloni escono vincitori Fesenko e Johnson (24 punti e 28 rimbalzi in due) . Il quinto fallo di Czyz, in campo per soli 14 minuti complessivi, non permette poi a coach Esposito di poter concedere nemmeno un secondo di riposo a Kirk, che così chiude stremato: Cantù ne approfitta, recupera lo svantaggio, approfitta di un paio di passaggi a vuoto di Pistoia e passa a condurre, trovando poi ancora con Heslip la tripla del +6 (79-73) che di fatto scrive la parola "fine" sul match.