Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Trofeo "Bellaveglia", The Flexx corsara a Siena

Pubblicato in Prima Squadra - Sabato 24 Settembre 2016

I biancorossi si impongono 91-77 dopo un avvio complicato. Boothe MVP della manifestazione

La The Flexx chiude il proprio precampionato a nove giorni dal debutto di Cremona, conquistando al PalaEstra di Siena il Trofeo "Bellaveglia". I biancorossi si sono imposti 91-77 sulla Mens Sana, al termine di quaranta minuti intensi, tirati, a tratti anche accesi sul piano agonistico. Per Pistoia, alla quarta vittoria consecutiva, va registrato anche il premio di miglior giocatore della manifestazione assegnato a Boothe (16 punti, con 7/11 da 2 e 2/4 da 3).

La The Flexx ha vinto con merito, nonostante l'ottima partenza di marca senese (14-6 al 5', poi divenuto 22-10 all'8'). I ragazzi di coach Esposito hanno pagato dazio soprattutto a livello offensivo, con un paio di palle perse di troppo e qualche conclusione francamente affrettata, ma hanno avuto il merito di alzare ritmo e percentuali a inizio secondo quarto: 18-0 di parziale per i biancorossi, e inerzia della sfida totalmente capovolta. Da quel momento, di fatto, Pistoia non ha più tremato e per coach Esposito c'è stata anche la possibilità di concedersi qualche esperimento, senza spremere più di tanto Hawkins (16 minuti e 15 punti per lui) e testando per 22 minuti (con esiti soddisfacenti) la tenuta di Thornton. Siena si è riavvicinata solo nel finale di secondo periodo (36-37), ma i 17 punti segnati da Pistoia nei primi cinque minuti del terzo quarto hanno ristabilito immediatamente le gerarchie. 

I biancorossi sono piaciuti molto in campo aperto: quando i vari Cournooh, Petteway, Hawkins e Lombardi possono correre in transizione, il gioco è decisamente fluido e a tratti anche spettacolare. La sensazione è che vedremo, almeno nelle prime giornate, una squadra da corsa: "Dobbiamo ancora migliorare nell'attaccare la difesa schierata -ha affermato coach Esposito a fine gara- ma siamo giovani e sappiamo di dover lavorare molto, anche per adattarci a questo tipo di pallacanestro. Mi piace però l'atteggiamento con cui stiamo in campo e dalla partita di stasera voglio prendere tutte le cose positive che abbiamo fatto; abbiamo altri nove giorni per preparare la partita di Cremona: dobbiamo essere umili e crescere, nono solo tecnicamente ma anche mentalmente, giorno dopo giorno, come abbiamo sempre fatto anche l'anno scorso. Questa sera -ha concluso Esposito- volevo vedere la squadra alle prese con una partita vera e devo dire che lo spirito che ho visto è quello giusto".