Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Esposito: "I quattro punti devono darci serenità nonostante la difficoltà della gara"

Pubblicato in Prima Squadra - Sabato 21 Ottobre 2017

Il tecnico biancorosso presenta la sfida con Avellino di domani: "Anche senza Fesenko, rimangono un'ottima squadra. Dovremo difendere forte sugli esterni, ma abbiamo lavorato bene in settimana".

Partita importante quella di domani contro la Sidigas Avellino. Dimenticare la sconfitta di Cremona e provare a fare lo sgambetto a una delle grandi della serie A: questo il duplice obiettivo di coach Esposito e dei suoi ragazzi: "Giochiamo contro un avversario -spiega il tecnico biancorosso nella consueta conferenza stampa pre-gara- che nonostante qualche acciacco è una delle formazion costruite espressamente per provare, anche quest'anno, ad arrivare fino in fondo, almeno in Italia. Sarà una partita ovviamente molto difficile, ma da parte dei ragazzi ho visto quella determinazione che volevo dopo la sconfitta di Cremona. Domenica scorsa abbiamo fatto molti errori, ma nelle pochissime occasioni in cui siamo riusciti a giocare la nostra pallacanestro siamo riusciti a rimontare anche divari consistenti in pochi minuti, segno che se facciamo le cose che dobbiamo, possiamo venire a capo anche di situazioni complicate. E' stata una settimana discreta anche sul piano fisico: abbiamo recuperato Kennedy e comunque McGee, nonostante la situazione da monitorare, sarà della partita. Non c'è da stressarci più di tanto: la situazione è questa -afferma Esposito- e per fortuna l'avere 4 punti in classifica ci fa stare un po' più sereni, al pari del poter giocare di fronte al nostro pubblico che per noi ha sempre rappresentato un fattore".

Il coach si concentra poi su Avellino: "E' una squadra ben guidata da un tecnico come Sacripanti, che ormai è lì da un paio d'anni, che ha soprattutto nel reparto degli esterni talento ed esperienza e quindi anche la nostra partita, a livello difensivo, dovrà prevedere grande intensità, attenzione e concentrazione sul perimetro, a differenza di quanto fatto a Cremona. Credo che l'assenza di Fesenko possa condizionare il loro modo di giocare: se possibile cercheranno ancora di più le soluzioni da fuori, anche se comunque sotto canestro avere tre elementi come Leunen, Zerini e N'diaye ti permette sempre di essere piuttosto incisivo".