Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Dopo 32 minuti di alto livello, la The Flexx si spegne nel finale

Pubblicato in Prima Squadra - Domenica 16 Ottobre 2016

I biancorossi comandano le operazioni fino all'inizio dell'ultimo periodo, poi crollano: finisce 83-67 per Avellino che deve però faticare ben più del previsto

Una The Flexx brillante e sfrontata va vicinissima all’impresa nella tana della Sidigas Avellino. La formazione biancorossa ha infatti condotto magnificamente le danze per 32 minuti, facendo vedere un’ottima pallacanestro e dimostrando una personalità davvero inaspettata, costringendo alle corde la corazzata di coach Sacripanti, costretta a inseguire fino agli ultimi cinque minuti.

Il finale è stato purtroppo fatale a Pistoia che, complice anche il veemente ritorno di Avellino, è crollata finendo sconfitta addirittura 83-67. Si tratta di un risultato che non rende giustizia a una squadra biancorossa apparsa in evidente crescita rispetto alla prima uscita di due settimane fa a Cremona. Antonutti e compagni, nonostante una situazione falli complicata fin dal primo quarto, sono stati capaci non solo di limitare difensivamente la grande pericolosità della Sidigas, ma anche di mettere in mostra una buona fluidità offensiva.

I padroni di casa (privi dell’infortunato Thomas) hanno sofferto moltissimo per tutti i primi trenta minuti, ma hanno avuto comunque il merito di rimanere attaccati alla partita, nonostante alcuni preoccupanti passaggi a vuoto (Pistoia ha raggiunto, sul 28-41 al 17’, anche i tredici punti di vantaggio).

Sul più bello, tuttavia, la The Flexx ha palesato tutta l’inesperienza tipica di un gruppo giovane e molto rinnovato: la squadra ha spento la luce, accusando un parziale di 23-8 che ha di fatto consegnato la vittoria a una Sidigas che nel finale ha potuto pure permettersi di fare accademia.

Domani giorno di riposo per i biancorossi, che osserveranno dal divano la Pasta Reggia Caserta, prossima avversaria di Antonutti e compagni lunedì 24 al PalaMaggiò.