Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Cena dei saluti a villa "Il Granduca": si è chiusa la stagione 2016/17

Pubblicato in Prima Squadra - Martedì 23 Maggio 2017

Si è tenuta nella splendida location della villa "Il Granduca" a Carmignano la cena di fine stagione organizzata dalla società. Presenti giocatori e staff tecnico al gran completo, dirigenti, tutto il personale e molti fra i top-sponsor del Pistoia Basket. 

In un clima di grande convivialità ed allegria, i giocatori hanno salutato e ringraziato tutte le componenti societarie: alcuni di loro (Michael Jenkins ad esempio) rientrerà questa mattina negli Stati Uniti, ma comunque per tutti, entro fine mese, inizieranno le meritate vacanze.

"E' bello vedere tutti qua riuniti -ha dichiarato il presidente Maltinti nel corso della cena- ma c'è da parte mia tanto dispiacere, sapendo che per qualcuno è l'ultima sera qua a Pistoia. Ovviamente spero di rivedere il prossimo anno quante più facce possibili, ma sono consapevole che non per tutti questo sarà un arrivederci. Desidero ringraziare tutti quanti -ha proseguito il presidente- per una stagione esaltante e per averci fatto veramente emozionare".

"Non amo parlare in queste occasioni -sono state invece le parole di coach Esposito- ma è doveroso da parte mia fare un ringraziamento non solo al mio staff e ai giocatori, ma anche a tutte quelle componenti silenziose o invisibili della società che ci hanno permesso, con il loro lavoro quotidiano, di raggiungere in questi due anni risultati incredibili. Che io riparta ancora con Pistoia o meno -ha concluso il tecnico- questo rimarrà per me un posto fantastico e questi due anni qualcosa di irripetibile".

Ultimo a intervenire capitan Antonutti: "Un bienno bellissimo con coach Esposito -ha affermato il capitano- in cui abbiamo potuto constatare con mano la grande passione per il basket di questa città. Sono felice, come rappresentante della squadra, se abbiamo saputo accendere il cuore di tantissimi tifosi: è stata un'esperienza eccezionale e sono orgoglioso di quello che abbiamo fatto".