Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Esposito: "Partiti in modo troppo soft, poi non siamo più riusciti a colmare il gap"

Pubblicato in Prima Squadra - Domenica 29 Aprile 2018

Il tecnico analizza le ragioni della sconfitta con la Virtus: "Concesso troppo nella prima parte di gara, poi difensivamente ci siamo rimessi a posto nel secondo tempo, ma in attacco non abbiamo mai trovato il giusto feeling".

Vincenzo Esposito analizza con lucidità il k.o. subìto dalla The Flexx, che non è riuscita a proteggere il parquet del PalaCarrara e si è dovuta arrendere a una Virtus Bologna che ha imposto la legge del più forte. Il coach biancorossi ha ben chiare le chiavi della sconfitta in questa terzultima gara della stagione: “Siamo partiti in maniera decisamente soft, in special modo nella metà campo difensiva, concedendo ai nostri avversari di prendere subito un margine che non siamo più riusciti a colmare. Dopo due quarti pessimi siamo riusciti a trovare la giusta intensità in difesa, senza però mai trovare la giusta efficacia in attacco, come testimoniano i soli 61 punti che siamo riusciti a segnare. D’altronde -prosegue Esposito- quando concedi un simile vantaggio ad avversari di questa esperienza diventa complicato rimettersi in partita e la Virtus ha potuto così costruire le fondamenta della vittoria nella prima metà della gara”.

Il coach della The Flexx, però, non vuole sentire l’alibi della mancanza di motivazioni: “La squadra è viva e lo ha dimostrato rientrando dopo l’intervallo e cercando di rimettersi in partita con tutte le sue forze. I ragazzi non si sono arresi di fronte alle difficoltà, ma è chiaro che quando ti trovi a dover fronteggiare un gap quasi costantemente in doppia cifra diventa molto difficile pensare di rimontare e riaprire le sorti della partita. Anche il divario di falli non è certamente un aspetto per il quale mi sento di recriminare, perché molti sono nati da errori banali commessi da parte nostra. Poi ovviamente le nostre rotazioni già corte sono state ulteriormente penalizzate dai falli che hanno caricato tanti dei nostri giocatori, ma questo non è certo imputabile all’operato della terna arbitrale. Abbiamo di fronte gli ultimi dieci giorni della nostra stagione -conclude Esposito- e vogliamo fare il massimo nelle due gare che rimangono in calendario, con l’obiettivo di cancellare il pessimo impatto con la gara mostrato questa sera e di approcciare nel modo migliore gli ultimi due impegni che ci aspettano”.