Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

The Flexx con il mal di trasferta: a Varese arriva un altro k.o. esterno

Pubblicato in Prima Squadra - Lunedì 27 Febbraio 2017

I biancorossi partono male, poi, nonostante un secondo tempo in crescendo, non riescono a capovolgere l'inerzia della gara

Si sveglia tardi la The Flexx, che cade (75-70) al termine di un match dai due volti in casa di una Openjobmetis che tiene vive le speranza di salvezza. Il verdetto di Masnago è eloquente: Pistoia, lontano dal fortino del PalaCarrara perde tutte le sue certezze, i suoi equilibri, le sue qualità; i biancorossi inanellano dunque la nona sconfitta su dieci trasferte e lo fanno, purtroppo, al termine di un match non proprio esaltante.

Attacco asfittico, troppe palle perse, scelte frutto dell'improvvisazione: la prestazione degli uomini di coach Esposito, in quel di Varese, è, specialmente nella prima parte di gara, francamente deludente. I padroni di casa hanno confermato in pieno di non attraversare un momento d'oro, ma sono apparsi anche sul piano caratteriale più vivi di una The Flexx che ha avuto troppo poco da diversi suoi elementi. 

Se difensivamente la gara di Pistoia è stata altalenante ma comunque sufficiente, è in attacco che i biancorossi hanno fornito una prova (specie nel primo tempo) a dir poco mediocre: non sono bastati nemmeno i 21 punti di Moore (record in Italia per il playmaker di Philadelphia) e i 13 di Crosariol per superare quota 70, a certificare una serata in cui i polpastrelli di Antonutti e compagni sono rimasti piuttosto freddini...

Varese, dal canto suo, partita contratta, si è sciolta con il passare dei minuti, complici anche le evidenti difficoltà e la scarsa reattività della The Flexx: i giocatori di coach Caja hanno chiuso avanti di quattro il primo periodo, raggiungendo anche i 14 punti di vantaggio nel secondo (29-15 al 16'). I lombardi hanno poi soprattutto avuto il merito di non scomporsi di fronte all'unica vera fiammata di marca pistoiese (40-35 grazie a due triple di Moore e a una schiacciata di Crosariol) nel terzo quarto, per controllare poi abbastanza agevolmente (nonostante il generoso tentativo finale di Pistoia) una partita che, onestamente, la squadra di coach Esposito, non ha purtroppo mai dato la sensazione di poter vincere, complice soprattutto una sciagurata prima parte.