Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Esposito: "Certi errori non dobbiamo ripeterli"

Pubblicato in Prima Squadra - Domenica 8 Novembre 2015

Il tecnico biancorosso analizza la vittoria con Cantù: "Siamo caduti in cose che non erano previste. Abbiamo fatto scelte sbagliate e ne siamo venuti fuori solo con il talento".

Con la quinta vittoria in sei giornate, coach Esposito continua a far volare Pistoia. Il tecnico biancorosso però fa il pompiere: "Rimaniamo con i piedi per terra: il nostro obiettivo resta la salvezza. Siamo partiti bene, sia in attacco che in difesa, ma a un certo punto abbiamo fatto scelte sbagliate -afferma il tecnico della Giorgio Tesi Group- e ne siamo usciti solo col talento individuale. Per oggi è andata bene, ma con il solo talento non si può andare tanto avanti".

La squadra biancorossa ha disputato una grande gara sul piano offensivo, mentre difensivamente è stata discontinua: "In difesa, soprattutto sugli esterni -concorda Esposito- abbiamo scherzato col fuoco. Cantù, lo avevo detto anche alla vigilia, è una squadra con punti nelle mani e talento: alcuni errori ci stanno, perché siamo una squadra giovane che gioca assieme da poco, ma comunque dobbiamo lavorare con attenzione in settimana per far sì di migliorare tutti quegli aspetti che oggi non hanno funzionato al meglio: vogliamo giocare la nostra partita ogni volta, anche a costo di prenderci dei rischi sia in attacco che in difesa, ma stavolta siamo caduti in cose che non erano previste. Sono cose che non si devono ripetere, forse magari figlie della nostra fiammata iniziale o di un po' di stanchezza, ma comunque da non ripetere".

Esposito riconosce comunque il valore del successo: "E' una vittoria importantissima -afferma il tecnico biancorosso- sia perché riusciamo a ripartire subito dopo la sconfitta di Milano, sia perché Cantù è una buona squadra che vale più della sua classifica attuale. Dobbiamo però continuare a lavorare, specialmente sulle piccole cose che a volte valgono come se non più delle grandi".