Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

A Reggio Emilia col doppio dubbio Magro-Lombardi. Esposito: "Settimana complicata, dovremo essere solidi mentalmente"

Pubblicato in Prima Squadra - Sabato 29 Aprile 2017

Biancorossi in emergenza in terra emiliana, ma il coach suona ugualmente la carica: "Siamo convinti di poter provare comunque a vincere".

"E' stata una settimana non semplicissima -spiega il coach- dal momento che abbiamo dovuto rinunciare a Solazzi, impegnato fino a giovedì con le finali Under 20, e poi successivamente anche a Magro e a Lombardi, entrambi in forte dubbio per domani. Era un po' di tempo, onestamente, che non lavoravamo in situazione di emergenza, ma devo dire che nonostante questo sono soddisfatto di come abbiamo preparato la partita e so che andremo a Reggio Emilia con la convinzione di poter vincere una gara che sappiamo bene sarebbe stata complicata anche in condizioni ottimali".

Il tecnico biancorosso entra poi nei dettagli per quanto riguarda le condizioni dei due infortunati: "Magro ha una contusione a una coscia -afferma Esposito- e dunque, sebbene in dubbio per domani, sarà sicuramente abile e arruolato per l'inizio della prossima settimana. Per Lombardi la situazione è un po' più complicata perché il problema al ginocchio, accusato nell'amichevole con Montecatini di mercoledì, necessita di qualche approfondimento specialistico: fra oggi e domani il nostro staff medico dovrebbe avere più chiara la situazione e, di conseguenza, i tempi di recupero".

La possibile indisponibilità di due pedine importanti nello scacchiere di Esposito rende ancora più complicata la trasferta in terra reggiana: "Affronteremo una squadra -dichiara il coach- che sebbene meno dominante rispetto al recente passato, ha dei valori importanti a livello sia di qualità che di esperienza.  Dovremo essere molto solidi, soprattutto mentalmente, perché quello di Reggio è un gruppo coeso, che negli anni ha perfezionato i suoi automatismi, in casa gioca spesso a ritmi alti ed è in grado di piazzare dei parziali che in due, tre minuti possono uccidere la partita".